Le informazioni contenute nelle presenti schede sono fornite dai relativi interessati o reperite dal web e fornite al solo scopo di primo orientamento. Si consiglia un contatto telefonico diretto con l'autorità o Associazione d'interesse.

* Garante per la protezione dei dati personali
* Allegati

Garante per la protezione dei dati personali

Piazza Monte Citorio, 121 -  00186 Roma
tel. 06 696771 (centralino)  fax  06 69677785
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (per invio segnalazioni, reclami e richieste di documentazione)
Per informazioni e quesiti: URP lunedì - venerdì ore 10-13  e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
web: www.garanteprivacy.it

Cosa è?
Il Garante per la protezione dei dati personali è un'autorità indipendente, prevista dal Codice in materia di protezione dei dati personali (d.lgs. 30 giugno 2003, n. 196).

Di che cosa si occupa?
Il Garante vigila sul rispetto del diritto alla riservatezza dei cittadini, delle associazioni o di ogni altro soggetto giuridico con riferimento alle attività di raccolta, archiviazione ed elaborazione di dati personali (c.d. trattamento dei dati personali) svolte da organizzazioni pubbliche o private.
Nell’ambito della sua azione, il Garante svolge importanti funzioni di tutela amministrativa.
Il Garante, infatti, decide i ricorsi amministrativi per la tutela dei diritti previsti dall’art. 7 del Codice della privacy (vedi sotto) e riceve segnalazioni e reclami circa l'illegittimità o l'irregolarità delle attività di trattamento svolte da soggetti pubblici e privati.
L’art. 7 del Codice in materia di dati personali stabilisce che le persone fisiche o giuridiche i cui dati sono oggetto di trattamento (archiviazione, conservazione, ecc.):
A. hanno diritto di ottenere:
1. informazioni sull’esistenza di un dato personale,
2. notizie su finalità e modi del trattamento,
3. aggiornamento e l’integrazione dei dati;
4. la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge.
B. hanno diritto di opporsi:
1. per motivi legittimi, al trattamento dei loro dati personali, per esempio, nel caso d’invio di materiale pubblicitario, di vendita diretta o per il compimento d’indagini di mercato.
Per esercitare tali diritti, occorre presentare un’istanza o direttamente al titolare (o al responsabile, se designato) mediante lettera raccomandata, fax o posta elettronica.
In alcuni casi individuati dal Codice (articolo 9, comma 1) l’istanza può essere formulata anche verbalmente e, in tali ipotesi, è annotata sinteticamente a cura dell’incaricato o del responsabile (se designato).
All’istanza il titolare o il responsabile (se designato), anche per il tramite di un incaricato, deve fornire idoneo riscontro, senza ritardo e non oltre:
- 15 giorni dal suo ricevimento;
- 30 giorni, se le operazioni necessarie per un adempimento completo sono di particolare complessità, ovvero ricorre altro giustificato motivo. In tal caso, il titolare o il responsabile devono comunque darne comunicazione all’interessato entro i predetti 15 giorni.
Per l’esercizio dei diritti suddetti, è stato predisposto un modello, reperibile sul sopra indicato sito del Garante nella sezione “facsimile e adempimenti – esercizio dei diritti”.

Come e perchè rivolgersi al Garante?
Se il soggetto che tratta i dati non risponde nei termini sopraindicati o fornisce una risposta insoddisfacente, è possibile:
A. rivolgersi all’autorità giudiziaria
B. chiedere l’intervento del Garante
Vi sono 3 modi per attivare l’azione di tutela del Garante:
a) il ricorso amministrativo vero e proprio;
b) il reclamo;
c) la segnalazione.
Il ricorso è la forma di tutela che richiede più formalità, per la sua proposizione è necessario attenersi strettamente a quando stabilito dall’art. 147 del Codice della privacy.
Condizioni essenziali per la presentazione del ricorso sono:
a) l’interpello preventivo, ossia l'aver inviato al responsabile del trattamento la richiesta scritta di voler esercitare uno dei diritti previsti dall'art. 7 (si badi dunque il ricorso non è presentabile per qualsiasi violazione del Codice della privacy);
b) il non aver ricevuto una risposta soddisfacente nei tempi stabiliti dal Codice (15 giorni dal ricevimento della richiesta prorogabile a 30 per i casi di particolare complessità), salvi i casi in cui il decorso del termine produrrebbe danni irreparabili.
Non è necessario essere assistiti da un avvocato.
Il ricorso al Garante non può essere proposto se, per il medesimo oggetto e tra le stesse parti, ci si è già rivolti all'autorità giudiziaria e il ricorso al Garante rende improponibile il ricorso all’autorità giudiziaria.
Il ricorso prevede il pagamento di diritti di segreteria pari a Euro 150, inoltre, al termine del procedimento, il Garante, se una delle parti lo ha richiesto determina l’ammontare delle spese e dei diritti inerenti al ricorso e, salva la possibilità di compensazioni, lo mette a carico della parte soccombente. La determinazione delle spese è forfetaria e non può essere inferiore a 500 e superiore a 1000 Euro.
Per le altre violazioni al Codice o nel caso in cui non si voglia proporre ricorso ma comunque promuovere una decisione del Garante, si può presentare un reclamo circostanziato scritto, corredato del proprio indirizzo e recapito telefonico, fax o posta elettronica, allegando la documentazione connessa alla questione e indicando:
• una dettagliata descrizione dei fatti e delle circostanze su cui si fonda il reclamo;
• le violazioni riscontrate nell'attività di trattamento svolta da un soggetto pubblico o privato e le disposizioni che si presumono violate;
• le misure richieste;
• gli estremi identificativi del titolare, del responsabile, ove conosciuto.
Il reclamo può essere presentato in carta libera ma solo utilizzando il modello predisposto dal Garante (che può essere richiesto all’URP del Garante) e unendo prova del pagamento dei diritti di segreteria.
Inoltre, quando non è possibile presentare un reclamo circostanziato, per esempio in mancanza d’informazioni precise, si può inviare una segnalazione per sollecitare l’attività di controllo del Garante. La segnalazione non richiede particolari formalità. Per la presentazione dei ricorsi e dei reclami, è previsto il versamento di diritti di segreteria il cui ammontare è stabilito da apposita deliberazione del Garante. La segnalazione è gratuita.
N.B. I reclami e le segnalazioni possono essere inviati anche via e-mail all’indirizzo sopraindicato.

Che cosa può fare?
- In caso di ricorso:
Il Garante, se ritiene fondato il ricorso, ordina al titolare e al responsabile, con decisione motivata, la cessazione del comportamento illegittimo, indicando le misure necessarie a tutela dei diritti dell'interessato e assegnando un termine per la loro adozione.
Il provvedimento è comunicato senza ritardo alle parti interessate, a cura dell'ufficio del Garante.
La mancata pronuncia sul ricorso, decorsi 60 giorni, dalla data di presentazione, equivale a rigetto.
Avverso alla decisione espressa o al rigetto tacito, è possibile fare ricorso al tribunale del luogo in cui risiede il titolare del trattamento.
La mancata attuazione delle misure prescritte dal Garante è sanzionata penalmente.
- In caso di reclamo/segnalazione
In esito al reclamo o alla segnalazione, se risultati fondati, il Garante può invitare il titolare dell’attività al blocco spontaneo del trattamento, ovvero prescrivere le misure necessarie per renderlo legittimo.
Può inoltre vietare i trattamenti illeciti quando vi sia il concreto rischio del verificarsi di un pregiudizio rilevante per gli interessati o la collettività.
I provvedimenti del Garante, adottati in seguito a reclamo o segnalazione, sono pubblicati sulla G.U. della Repubblica italiana nel caso in cui i destinatari non siano facilmente identificabili per il numero o la complessità degli accertamenti.

Per saperne di più
• d.lgs. 30 giugno 2003, n. 196 – Codice per il trattamento dei dati personali

COPYRIGHTS & CREDITS SUI CONTENUTI PRESENTI
Tutti i loghi e marchi presenti sul sito www.latartarugabeach.it sono di proprietà dei rispettivi licenziatari. I testi, gli articoli, le fotografie e la documentazione in formato elettronico presente su questo sito, salvo quanto diversamente ed espressamente indicato, sono di esclusiva proprietà di Phi Phi Island s.a.s.  e sono considerate "informazioni per il pubblico": possono essere distribuite e copiate (indicando chiaramente la fonte) purchè non se ne alterino significato, contenuti e valori. Eventuali contenuti di proprietà terza recheranno l'indicazione della rispettiva provenienza o sarà presente idonea citazione per garantire l'attribuzione dei diritti ai legittimi proprietari o autori. Alcune immagini sono state rinvenute mediante motori di ricerca e non è stato possibile accertarne l'origine: nel caso fossero protette da Copyright è sufficiente contattare il Webmaster e saranno prontamente rimosse o ne verrà indicata la paternità. Il Webmaster resta ovviamente a disposizione di qualsiasi persona che riconoscesse del materiale presente sul sito come proprio o frutto della propria opera e ingegno: come indicato sopra, il Webmaster si offre di citarne opportunamente la paternità o di rimuoverne il contenuto.

INFORMAZIONI RESE EX LEGGE 62/2001
I contenuti di questo sito non hanno carattere di periodicità e non rappresentano "prodotto editoriale". La gestione e il controllo dei contenuti sono effettuati da Phi Phi Island s.a.s. . I controlli sui contenuti riguardano solo ed esclusivamente quelli pubblicati direttamente dal sito. I link ad altre pagine non rientrano nei controlli in questione.

CLAUSOLA DI RESPONSABILITA'
Phi Phi Island s.a.s.  non si assume alcuna responsabilità per gli eventuali problemi derivanti dall’utilizzazione del presente sito o di eventuali siti esterni ad esso collegati. La presente clausola di esclusione della responsabilità non ha lo scopo di limitare la responsabilità di Phi Phi Island s.a.s.  in violazione di disposizioni della legge nazionale applicabile, né di escluderla nei casi in cui non può essere esclusa in forza di legge.

PRIVACY
Phi Phi Island s.a.s.  garantisce che il trattamento dei dati, che dovessero pervenire via posta elettronica o moduli elettronici di registrazione, è conforme a quanto previsto dalla normativa sulla privacy. Nel caso che scegliate di seguire links che appaiono sul nostro sito per visitare altri siti web, vi suggeriamo di leggere le politiche sulla privacy che appaiono in quei siti per essere sicuri della privacy dei vostri dati personali. Come in molti altri siti, il nostro server può salvare automaticamente nel "log file" alcune informazioni come l’indirizzo IP del vostro computer, oppure può utilizzare altre informazioni salvate nel vostro computer con la tecnica dei "cookies". Queste informazioni non sono collegabili ad alcuna anagrafica personale ma sono utilizzate esclusivamente a fini statistici interni, al fine di proteggere o di garantire idonee politiche di accesso a contenuti sensibili o riservati, e verranno diffusi solamente a seguito di richiesta da parte dell’Autorità Giudiziaria nei termini di legge. Per ogni domanda riguardante la nostra politica sulla Privacy contatta il Webmaster o l'Associazione.

USO DEI COOKIES
Per meglio servire i nostri visitatori, questo sito può utilizzare i "Cookies" al fine di personalizzare la visualizzazione delle pagine web per ciascun utente e permettere una più corretta visione dei contenuti. I Cookies sono dei semplici file di testo che il nostro server salva sul computer del visitatore attraverso il browser internet (es. Internet Explorer). I Cookies creati sul computer del visitatore, non contengono alcun dato personale di identificazione e non compromettono la privacy o la sicurezza dello stesso. l nostro server utilizza i Cookies solo ed esclusivamente in modo casuale per identificare un codice da noi salvato in visite precedenti sul nostro sito, quale ad esempio la registrazione dell'utente all'interno del sito stesso.

TIPO DI COOKIES
Phi Phi Island s.a.s.  utilizza esclusivamente Cookie tecnici.

"I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di "effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio" (cfr. art. 122, comma 1, del Codice)."

Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

Per l'installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti, mentre resta fermo l'obbligo di dare l'informativa ai sensi dell'art. 13 del Codice, che il gestore del sito, qualora utilizzi soltanto tali dispositivi, potrà fornire con le modalità che ritiene più idonee.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.